Perché il colore

I colori più intensi li tingono le emozioni  –Stephen Littleworld-

Il colore lo troviamo nell’arte, nella moda, nella casa, nei cibi, nell’abbigliamento.

Il colore ci colpisce nella copertina di un libro, nella freschezza di un cibo, nell’emozione di un quadro.… ci lascia a bocca aperta nello spettacolo dei panorami naturali.

Cattura la nostra attenzione mentre scegliamo un fiore, un regalo, un oggetto per la casa.

Il colore caratterizza tutto ciò che immaginiamo nella nostra mente… in altre parole il colore è ovunque.

Se ci soffermiamo un momento a pensare possiamo identificare un colore per ogni pensiero, ogni nota musicale, ogni emozione, ogni persona che vediamo intorno a noi e ogni situazione

Il colore va diretto al cuore, agli organi, alla pelle perché è immediato.

Il colore è emozione, veicola emozioni e risveglia emozioni.

E dove sentiamo le emozioni prima di tutto? Nel corpo.

Il colore diventa un potente mezzo per risvegliare nel corpo memorie ed emozioni sopite. Ci consente di portare a livello conscio sensazioni ed emozioni dimenticati, poteri personali sconosciuti e talenti ancora nascosti .

E’ semplice da comprendere, proprio perché noto e familiare, fin dall’infanzia, quando utilizzavamo il colore per esprimere le nostre emozioni su un foglio di carta. Quando ci imbrattavamo le manine per l’entusiasmo di lasciare un segno colorato su un foglio. Quando ci lasciavamo cullare dall’emozione fisica che ci dava il colore. Quando la gioia e l’eccitazione erano percepibili ai nostri sensi, alla nostra pelle.

Quando il corpo si agitava e si rallegrava per l’energia dei colori.

Ebbene la buona notizia è che è ancora così.

Dento di noi dimora ancora quel bambino che ama divertirsi con i colori e che SA percepire l’energia del colore sulla propria pelle. Abbiamo solo bisogno di risvegliarlo. Di richiamare i nostri sensi, di vedere i colori con la vista, udirli con le orecchie, odorarli col naso, sentirli sulla pelle, percepirne l’estasi emozionale in un viaggio multisensoriale fuori e dentro noi stessi.

E lasciarci trasportare.

I colori ci possono guidare in un viaggio all’interno del nostro corpo fisico, possono aiutarci a riprendere contatto con parti del nostro corpo che tendiamo a trascurare, che non percepiamo come loro stesse vorrebbero o che sentiamo dolenti.

Attraverso il massaggio fisico, la percezione mentale, l’utilizzo di strumenti (essenze ed oli profumati, acque colorate) abbiamo la possibilità di riaprire una comunicazione efficace e di valore con il nostro corpo.

Abbiamo la possibilità di tornare ad ascoltarlo, per capire di cosa ha bisogno.

Abbiamo la possibilità di sapere cosa possiamo fare per lui, per stare veramente bene.